Stagioni2017-05-19T09:35:08+00:00

Oggi possiamo trovare sui banchi del mercato quasi tutti i prodotti in ogni mese dell’anno: arrivano da ogni parte del mondo, dandoci l’illusione che sia “sempre la stagione”. Tuttavia, una cucina che sia davvero legata al suo territorio e ne sappia utilizzare e valorizzare i prodotti migliori deve conoscere e rispettare la stagionalità.

In ogni periodo dell’anno il mare, la laguna e le sue isole offrono produzioni particolari, frutto della pesca e di un’agricoltura ancora legata ai valori della terra. Straordinari ortaggi e frutta in primavera e in estate; il selvadego (cacciagione) in autunno, e poi il pesce che arriva al mercato seguendo i cicli naturali che portano le diverse specie ad entrare in laguna per la loro riproduzione o a spostarsi dal Mar Mediterraneo all’Alto Adriatico. Ecco, ad esempio, le seppie tra marzo e maggio, i go (ghiozzi) tra fine inverno e inizio primavera, i bisati (anguille) tra settembre e dicembre o le squisite moeche (granchi in fase di muta del carapace) in primavera e autunno.

Tutte delizie la cui origine e qualità sono garantite dall’esperienza stessa dei consumatori locali, che sanno bene quando negli orti di Sant’Erasmo maturano i pomodori o spuntano le castraure (i primi carciofi) o quando le masanete (granchi femmina) sono ricche del corallo (uova in realtà) che le rende così buone.

Privacy Preference Center

    Unclassified

    Unclassified cookies are cookies that we are in the process of classifying, together with the providers of individual cookies.

    gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types], viewed_cookie_policy